THE WUNDERNEST OF GUIDO GALIMBERTI

Evidenza

MY PERSONAL WUNDERNEST: FRANCESCA LAVAZZA

Due grandissimi occhi azzurri come il mare, quasi laureata in lettere moderne con indirizzo Tecnica della comunicazione, gentile e dolcissima, Francesca Lavazza lavora nell’azienda di famiglia dal 2001.

Il suo wundernest è un luogo che sta a metà tra l’immaginazione e la realtà.

In questo momento – afferma Francesca- il luogo che si avvicina di più ad una stanza delle meraviglie è il mio ufficio, in cui ci sono una serie di oggetti, quadri e ricordi. Soprattutto i ricordi per me sono importanti; raccolgo oggetti che sono legati ad un momento particolare. Quando li guardo, infatti, rivivo quel momento importante, interessante, affettuoso come se fossi ancora lì. Nel mio ufficio non mancano le foto dei miei bambini e della mia famiglia, ma anche tutto quello che potrebbe essere un bigliettino o una lettera di amici.

View more

2 Evidenza.

MY PERSONAL WUNDERNEST: MARIO RASINI

Se dovessi trovare un titolo per definire Mario Rasini sarebbe “Forever Young”.

Infatti Rasini, socio e fondatore nel 2002 di 3Zero2 che realizza e distribuisce programmi video, ha un’aria da eterno ragazzo che infonde serenità e solidità al tempo stesso.

Nato e cresciuto professionalmente nella televisione commerciale e digitale via satellite, è un grande esperto di tecnologia ma anche un uomo che sa riappropriarsi dei propri spazi vitali dedicandosi alle sue passioni, come i viaggi e il golf, sport che pratica con successo.

Il suo wundernest è un luogo davvero particolare.

View more

Courtesy  Giovanni Gastel

MY PERSONAL WUNDERNEST: KEAN ETRO

Secondo di quattro fratelli, designer della collezione uomo nell’azienda di famiglia, Kean Etro si definisce un cantastorie. Ha la cultura e l’intelligenza geniale di un uomo maturo e la curiosità innocente e giocosa di un bambino. 

Descrivici il tuo wundernest o la tua wunderkammer.

E’ un luogo non solo fisico ma anche mentale dove raccolgo segni, ispirazioni, simboli visivi, ricordi, souvenir di viaggi e del cuore. Per me fa rima con colore, sentimento, storia, viaggio, cultura e gioco.

Amo circondarmi di oggetti che in qualche maniera toccano il mio sentire.

La mia personale wunderkammer è una summa di quello che sono, di quello che amo … prevalentemente libri antichi, ma anche oggetti di modernariato, giochi di una volta, opere d’arte (come le Nierikas Huichol), strumenti musicali inusuali provenienti da tutte le parti del mondo …

View more

foto

THE WUNDERNEST OF GUIDO GALIMBERTI

Io mi chiamo Guido Galimberti ed ho vissuto gli ultimi 40 anni della mia vita vivendo una bellissima avventura:   l’avventura   del collezionista.

Chi entra in casa mia incontra gli oggetti che  l’abitano:   può  vederli  e leggerli  insieme  a  me,  ovviamente se lo desidera.

Io possiedo solo opere che, al di là del loro valore artistico o,  oltre il valore artistico,  sono capaci di raccontare una storia. Queste storie io le conservo e tramando perché questo è il compito, secondo me, del collezionista. In realtà io molto spesso mi interrogo sul fatto che forse non sono io a possedere loro ma  piuttosto loro si prendono la mia storia che poi trasportano al prossimo collezionista che saprà capirle,  se avrà il desiderio e la voglia di capirle.

View more

5n

MY PERSONAL WUNDERNEST: GIANANDREA TOSI

“La mia famiglia, le mie passioni, una vita diversa da quella che si vive in Italia; perché abbiamo perso di vista le cose vere, quelle importanti come il rispetto, la tranquillità, l’essere solidali, la buona educazione: di tutto ciò è composto il mio wundernest.”

Gianandrea Tosi, CEO di New Mood Resorts, società proprietaria di un resort alle Maldive in via di costruzione, ci parla con il cuore in mano e ci fa notare quanto siano importanti le cose fatte con passione.

“Vivo alle Maldive, il mio lavoro è il turismo e penso a quante cose belle potremmo fare in Italia con il turismo, dato che è il paese più bello del mondo. Abbiamo delle eccellenze che non ha nessuno, eppure siamo un popolo limitato dai nostri stessi pregi perché non siamo capaci di valorizzare il nostro patrimonio culturale e territoriale. Eppure l’Italia è bellissima e molto varia, basti solo pensare come da nord a sud cambi il panorama, il vino, il cibo, la cultura.”

View more

Ritratto Rossella Colombari

MY PERSONAL WUNDERNEST: ROSSELLA COLOMBARI

Antiquaria da quattro generazioni, torinese, Rossella Colombari è un vulcano di idee, di energia, di parole.

Nata e vissuta nelle cose belle, dice di sé che è un’artista mancata: avrebbe voluto seguire un percorso artistico, lei che già a otto anni disegnava perfettamente interni di case, ma l’essere artista era considerato disdicevole dalla sua famiglia e quindi diventare gallerista è stato un passaggio totalmente naturale.

La incontriamo nella sua bella galleria in Via Maroncelli a Milano, dove espone splendidi mobili di modernariato.

View more

foto - Copia

‘A STORIA – LA VERA PIZZA NAPOLETANA A MILANO

” a Milano in viale Monte Nero al n. 55 c’e’ un ristorante . Il suo nome e’ ‘A STORIA e li’ , con un servizio eccellente e proprietari simpaticissimi , potrete mangiare una pizza napoletana che neanche ….. a Napoli e dintorni . E poi servono una mozzarella eccellente , primi piatti spettacolari , una pastiera super e baba’ da sogno .

Un pezzo di storia della cucina napoletana veramente unico !!!

E’ un luogo ” wunder ” – meraviglioso che consiglio a tutti i nostri amici lettori ” .

Guido Galimberti

 

Marta Sannito

MY PERSONAL WUNDERNEST: MARTA SANNITO

Bella, alta, occhi neri, aquilana, un’intelligenza particolarmente vivace, Marta Sannito lavora nella moda da sempre come brand manager. E da sempre è immersa nella bellezza di ciò che fa.

Anche lei ci apre la sua stanza delle meraviglie.

La mia stanza delle meraviglie non è un luogo reale; è un luogo mentale, è la stanza dove io avrei voluto collezionare abiti, accessori, oggetti dei maestri che ho incontrato, come per esempio Gianfranco Ferrè, Romeo Gigli, Antonio Berardi, persone che hanno dato molto al mondo della moda e che avrebbero meritato un luogo dove stare tutti insieme. Così, li ho riuniti io in una mia stanza delle meraviglie immaginaria dove poterli ritrovare tutti.

 

View more